Audiolibri Libri

BORGO SUD – DONATELLA DI PIETRANTONIO

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Genere: Narrativa

Anno edizione:2020

Pagine:168


Adriana è come un vento, irrompe sempre nella vita di sua sorella con la forza di una rivelazione. Sono state bambine riottose e complici, figlie di nessuna madre. Ora sono donne cariche di slanci e di sbagli, di delusioni e possibilità, con un’eredità di parole non dette e attenzioni intermittenti. Vivono due grandi amori, sacri e un po’ storti, irreparabili come sono a volte gli amori incontrati da giovani. Ma per chi non conosce la lingua dell’affetto è molto difficile aprire il cuore.

***

Certo, dare un seguito a un capolavoro assoluto come L’Arminauta non era mica un’impresa facile. Ma l’autrice abruzzese ci è riuscita in pieno, tirando fuori dal cilindro un altro libro intensissimo e perturbante. La costante tra le due opere è lo stile, graffiante ed essenziale. Una prosa che riduce gli orpelli all’osso, ma che arriva potente al lettore, e lo lascia senza difese. Le emozioni di questi personaggi cesellati a tinte forti, cresciuti nel deserto affettivo e irrimediabilmente attratti dal baratro, non possono lasciare indifferenti.

In Borgo Sud ritroviamo “l’Arminuta” – la protagonista senza nome del primo romanzo – e la sorella Adriana a distanza di diversi anni dal punto in cui il racconto si era interrotto. Un fast forward che ce le restituisce oramai donne. Due donne diversissime, come lo erano state da ragazzine. Due figure antitetiche, ma legate da un legame viscerale di sangue e di dolore che sopravvive a torti, distanze e incomprensioni.

La storia, intrisa di amarezza e di fallimento, si potrebbe classificare come saga familiare, ma riesce a tener vivo l’interesse con la tensione narrativa e il ritmo di un thriller. C’è un crescendo di suspense, mantenuto ad arte fino all’epilogo, che tiene in pugno chi legge dalla prima all’ultima pagina del volume.

Bellissima anche l’ambientazione che spazia tra la Francia, il paesello innominato dell’entroterra abruzzese in cui le due sorelle sono cresciute e la costa adriatica, tra luoghi reali e località immaginarie.

Segnalo anche l’opzione audiolibro, disponibile sulla piattaforma di ascolto Audible e letta dalla bravissima Valentina Bellè

L’AUTRICE

L'Abruzzo di Donatella Di Pietrantonio: «Il cibo è parte della mia  identità» - L'Espresso

Donatella Di Pietrantonio vive a Penne, in Abruzzo, dove esercita la professione di dentista pediatrico. Ha esordito con il romanzo Mia madre è un fiume (Elliot 2011, Premio Tropea). Per Einaudi ha pubblicato L’Arminuta (2017), vincitore Premio Campiello 2017 e Bella mia, con cui ha partecipato al Premio Strega 2014 e ha vinto il Premio Brancati e il Premio Vittoriano Esposito Città di Celano.
Nel 2020 per Einaudi esce un nuovo romanzo Borgo Sud.