Editore: Oscar Mondadori

Anno:2010

Pagine 266

Genere: Noir

 

1987 New Orleans. Roy Cady è un malavitoso al soldo del potente boss Ptitko. La sua routine criminale e la sua intera esistenza vengono sconvolte da una diagnosi infausta e dal tentativo della sua gang di farlo fuori. Il suo destino si incrocia con quello di una giovane prostituta e di una bambina. I tre inizieranno una fuga rocambolesca attraverso lo squallore e il degrado del profondo Sud degli Stati Uniti.

Questo romanzo noir nato dalla penna di Nic Pizzolatto, autore divenuto celebre per la sceneggiatura della serie True Detective, prodotta dell’emittente HBO, è un viaggio senza filtri attraverso la parte oscura dell’America. Quella dei motel di provincia e degli scenari apocalittici delle zone votate all’estrazione del petrolio. Quella dell’alcolismo, del disagio sociale, dell’arretratezza culturale e dei clan criminali.

La scrittura è potente ed evocativa. Lo stile decisamente hard boiled. I personaggi intensi e complessi, sono l’espressione del  contesto in cui sono cresciuti. Il leit motiv  che li unisce è il tema dell’infanzia negata. Roy, Il protagonista, pur essendo un pluriomicida, ha una sua etica morale e durante lo sviluppo della trama compie un percorso di catarsi e di riscatto.

Un libro da leggere assolutamente, anche se tratta temi molto duri. Non annoia e non delude, e offre moltissimi spunti di riflessione.

 

L’AUTORE