Editore: SEM
Genere: Thriller
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 10 ottobre 2019
Pagine: 430

 

In una piovosa notte napoletana, viene ucciso Raffaele Esposito, uno stimato prefetto in pensione: pare fosse intenzionato a pubblicare un esplosivo memoriale che avrebbe coinvolto influenti personalità del Paese. Per capire cosa ci sia dietro, il capo della Polizia invia sul posto Renzo Bruni e la sua squadra, che concentrano le indagini su un equivoco avvocato. Scoperchiando così torbidi interessi e violenti crimini all’interno del mondo delle toghe.

 

***

E’ molto bello leggere libri in cui si percepisce la competenza dell’autore riguardo alla materia raccontata. E questo, per me, è uno di quelli, dato che Piernicola Silvis, ex questore, le procedure di polizia e le dinamiche criminali le ha vissute per buona parte della sua vita. Il risultato è  un romanzo in cui sia  la storia che i personaggi risultano credibili e coinvolgono sin da subito il lettore.

Lo stile dell’autore foggiano ricorda molto da vicino quello dei grandi autori di bestseller del mondo anglosassone, ma senza mai scadere nel dozzinale o nel “già visto”.

La prosa è impreziosita da un lessico ricercato e da una sintassi perfetta: elementi che rendono la lettura fluida e  molto piacevole.

Decisamente molto curata anche l’ambientazione che ci porta in una Napoli bella e difficile, in cui l’ombra inquietante della Camorra sembra allungarsi ovunque. 

 

 

L’AUTORE

Piernicola Silvis è nato a Foggia nel 1954. Alto dirigente della Polizia di Stato, ha lasciato il servizio come questore di Foggia. La Lupa è il suo quinto romanzo. Con SEM ha pubblicato Formicae (2017), riproposto poi da Feltrinelli in edizione tascabile. I suoi libri sono stati tradotti in diverse lingue.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSENTENZA ARTIFICIALE – BARBARA BARALDI
Prossimo articoloL’AVVERSARIO – EMMANUEL CARRERE
Laura Piva
Mi chiamo Laura Piva ed ho una doppia vita: di giorno faccio la farmacista in paesino del modenese e di sera mi trasformo in una serial reader. Da qualche tempo, la mia passione per la letteratura gialla e noir si è tramutata in un secondo lavoro e ho iniziato a collaborare con molti scrittori italiani nell’organizzazione di serate ed eventi. Da alcuni anni sono la direttrice artistica di Grasparossa Noir, una rassegna patrocinata dal Comune di Castelvetro di Modena che abbina eccellenze enogastronomiche e letterarie del nostro territorio. Sono inoltre autrice di racconti noir. Nel 2018, ho vinto il festival Garfagnana in Giallo-Barga Noir (Sezione racconti inediti) con "Killing Hosni" , pubblicato nell'Antologia Criminale 2018 delle Edizioni Tralerighe. Nel 2019, col racconto "Alone together" sono stata finalista allo stesso concorso e pubblicata nell'Antologia Criminale 2019. Nel 2020 mi sono classificata terza alla prima edizione di Lecce in Giallo.