Versione Cartacea/e-Book
Traduttore: K. De Marco
Editore: Iperborea

Genere: Thriller

Anno edizione:2000
In commercio dal:5 maggio 2008
Pagine:416 p., Brossura
Titolo originale: Den Keltiska Ringen

 

Ulf è uno spirito libero. Vive a bordo del Rustica, un rustler di 31 piedi ormeggiato al porto di Dragør, nei pressi di Copenhagen e fa il pendolare tra la Danimarca e la Svezia.

Un giorno, s’imbatte in Pekka, un velista finlandese che, insieme a una donna di nome Mary, ha affrontato, a bordo del suo Catamarano,  una terribile traversata per sfuggire a un misterioso inseguitore, lo scozzese Mac Duff. Pekka ha il viso trasfigurato dal terrore, e prima di andare incontro al suo tragico destino, affida ad Ulf il suo diario di bordo.

La lettura del diario, che fa riferimento a un arcano “Cerchio Celtico” , risveglia lo spirito di avventura del velista, che con l’amico Torben decide di ripercorrere a ritroso le tappe della rotta di Pekka, in un avventuroso viaggio che li porterà a sfidare – in pieno inverno- il Mare del Nord e l’Oceano Atlantico, fino alla Scozia, Paese che sembra celare la soluzione dell’enigma.

 

Questo libro, uscito in Svezia nel lontano 1992, pur presentando una trama originale, mi suscita parecchie perplessità. Lo stile è scarno e impersonale, e  la narrazione si dilunga troppo su particolari tecnici legati al mondo della vela finendo con l’annoiare a morte anche il lettore più motivato. Tensione e pathos sono inesistenti.  La storia, inoltre,  non suffragata da fatti documentati, diventa un filo conduttore molto labile.  Ma, quello che più mi ha urtato di questa lettura è stato la scarsissima caratterizzazione dei protagonisti: nulla trapela della loro fisicità, del loro passato, dei loro sentimenti, del loro background.

Il risulatato è che i personaggi agiscono come automi: non si capisce cosa li porti ad affrontare scelte pericolose e dissennate, seguendo una trama piuttosto inverosimile, tra riti druidici, traffici d’armi, cospirazioni politiche e terroristi dell’IRA.

L’unica cosa davvero bella di questo romanzo è , a mio avviso, l’ambientazione mozzafiato. Larsson porta il lettore con sé nel suo viaggio glaciale, solcando l’Oresund, il Kattegat, il Mare del Nord, fino alle perigliose acque della Scozia, che attraverserà attraverso le chiuse della Neptune Stairs del Canale di Caledonia fino alle Isole Ebridi. Questo è ciò che rimane di questo libro: immagini potenti di una natura ostile: isole desolate, laghi brumosi e , soprattutto, il fragore del mare in tempesta.

Di questo romanzo esiste anche una versione audiolibro, edita da Emons Edizioni. A misurarsi con la difficile impresa di dar brio a questo piattissimo testo è l’attore Vinicio Marchioni.

Versione Audiolibro

letto da Vinicio Marchioni

Regia Flavia Gentili

Durata 12h 53m

Versione audiolibro integrale

Edizione testo Iperborea, 2000

Pubblicazione 26 luglio 2018

 

L’Autore

Björn Larsson, docente di letteratura francese all’università di Lund, scrittore, traduttore, filologo e appassionato velista, è uno degli scrittori svedesi più amati. Tra i suoi libri, Raccontare il mare, Il cerchio celtico, La vera storia del pirata Long John Silver e Il porto dei sogni incrociati.