VERSIONE AUDIOLIBRO

EDITORE: EMONS AUDIOLIBRI

letto da Giuseppe Battiston

Regia Flavia Gentili

Durata 4h 7m

Versione integrale

Edizione testo Adelphi Edizioni, 1994

Pubblicazione 25 marzo 2015

Maigret non ha nessuna voglia di recarsi a Sancerre, dove in una stanza dell’Hôtel de la Loire è stato trovato il cadavere di Émile Gallet, grigio rappresentante di commercio. Ma l’apparenza inganna e il morto, la sua personalità sfuggente, il suo mondo in bilico tra realtà e immaginazione, presente e passato, trascinano il commissario in un viaggio ossessivo alla  ricerca della verità. Comincia qui a delinearsi il celebre metodo Maigret, riassumibile nell’affermazione del commissario:  “Saprò chi è l’assassino quando conoscerò bene la vittima”.

Un giallo classico, anzi classicissimo, questo romanzo della serie dedicata al commissario Maigret dal prolifico scrittore franco- belga.

Pubblicato nel 1931, ma ancora attualissimo dal punto di vista del linguaggio, Il defunto Signor Gallet restituisce l’immagine di una cartolina d’epoca della Francia che fu: quella degli anni tra le due guerre e in cui le vacanze sulla Loira erano di gran moda per il ceto medio. L’ambientazione è molto puntuale e rende bene il clima di austerity e di rigidità dei costumi che aleggiava in quel periodo nel Paese transalpino.

La storia, governata dalla perfetta meccanica del giallo, è molto originale e riserva un finale a sorpresa. Ma ciò che mi sorprende sempre leggendo le opere di Simenon è la costruzione maniacale dei personaggi, che assumono un’importanza fondamentale nell’economia del romanzo.

Nella versione audiolibro, edita da Emons, l’attore Giuseppe Battiston interpreta magistralmente il testo, incarnado perfettamente il burbero Maigret, i suoi lampi di genio e l’attenzione maniacale per i dettagli.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteUN ALTRO GIRO DI GIOSTRA – TIZIANO TERZANI
Prossimo articoloGRADO SOTTO LA PIOGGIA – ANDREA NAGELE
Mi chiamo Laura Piva ed ho una doppia vita: di giorno faccio la farmacista in paesino del modenese e di sera mi trasformo in una serial reader. Da qualche tempo, la mia passione per la letteratura gialla e noir si è tramutata in un secondo lavoro e ho iniziato a collaborare con molti scrittori italiani nell’organizzazione di serate ed eventi. Da due anni sono la direttrice artistica di Grasparossa Noir, una rassegna patrocinata dal Comune di Castelvetro di Modena che abbina eccellenze enogastronomiche e letterarie del nostro territorio. Sono inoltre autrice di racconti noir. Nel 2018, ho vinto il festival Garfagnana in Giallo-Barga Noir (Sezione racconti inediti) con "Killing Hosni" , pubblicato nell'Antologia Criminale 2018 delle Edizioni Tralerighe. Nel 2019, col racconto "Alone together" sono stata finalista allo stesso concorso e pubblicata nell'Antologia Criminale 2019.