VERSIONE CARTACEA/E-BOOK
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili narrativa
Anno edizione:2019
Formato:Tascabile
GENERE: THRILLER STORICO
In commercio dal:14 febbraio 2018
Pima pubblicazione: 1980
Pagine: 624

Da questo romanzo sono stati tratti un film ditetto da Jean-Jeacques Annaud nel 1986, in cui il ruolo di Guglielmo è stato interpretato da Sean Connery e, in tempi più recenti, la serie evento RAI diretta da Giacomo Battiato con John Turturro, Rupert Everett e Damian Hardung.

Il nome della rosa - Umberto Eco - copertinaUltima settimana del novembre 1327. Il novizio Adso da Melk accompagna in un’abbazia dell’alta Italia frate Guglielmo da Baskerville, incaricato di una sottile e imprecisa missione diplomatica. Ex inquisitore, amico di Guglielmo di Occam e di Marsilio da Padova, frate Guglielmo si trova a dover dipanare una serie di misteriosi delitti (sette in sette giorni, perpetrati nel chiuso della cinta abbaziale) che insanguinano una biblioteca labirintica e inaccessibile. Per risolvere il caso, Guglielmo dovrà decifrare indizi di ogni genere, dal comportamento dei santi a quello degli eretici, dalle scritture negromantiche al linguaggio delle erbe, da manoscritti in lingue ignote alle mosse diplomatiche degli uomini di potere. La soluzione arriverà, forse troppo tardi, in termini di giorni, forse troppo presto, in termini di secoli.

***
Uscito quarant’anni fa, ma ancora attualissimo nello stile e nella forma, questo libro oltre ad essere una pietra miliare della letteratura, ha anche segnato, di fatto, l’ingresso del “crime” nell’olimpo dei “Grandi Classici”.
Si tratta di un Thriller Storico di grande classe, che esprime pienamente l’immensa statura culturale di Umberto Eco. L’ambientazione storica è molto precisa e ben contestualizzata , impreziosita dalle tante ricchissime descrizioni dei luoghi, che immergono il lettore nell’atmosfera del tempo.
I personaggi sono meravigliosamente cesellati nei dettagli, ognuno con le sue peculiarità, tanto da entrare immediatamente in simbiosi con chi legge.
Il protagonista, Frate Guglielmo da Baskerville, un passato da inquisitore, è un uomo giusto, che vive con estremo disagio la deriva violenta del cristianesimo del suo tempo. In questo romanzo, veste i panni del detective -ante litteram e svolge le sue indagini con grande rigore scientifico. Le sue deduzioni si fondano su un grande acume e sulle sue solidissime basi culturali. Un’immensa sapienza, la sua, che riflette la personalità e la monumentale cultura dell’autore stesso.
Geniale anche l’escamotage narrativo del “libro nel libro”. All’inizio del romanzo, uno studioso contemporaneo (ci troviamo all’epoca della Primavera di Praga, quindi nel 1968) ritrova il manoscritto in cui Adso da Melk, co-protagonista della storia, oramai vecchio, racconta delle avventure vissute in gioventù accompagnando Guglielmo nella sua indagine presso un’Abbazia dell’Italia Settentrionale.
Consiglio di affrontare  quest’opera – impegnativa- ma bellissima  nella magnifica trasposizione in audiolibro delle edizioni Emons. A leggere è il bravissimo attore Tommaso Ragno, che con grande abilità riesce a diversificare e dare spessore a ogni personaggio.
VERSIONE AUDIOLIBRO
il-nome-della-rosaRegia di Flavia Gentili
Letto da: Tommaso Ragno
Durata: 20 ore e 23 min
Versione integrale
Data di pubblicazione: 24/11/2016
Lingua: Italiano
Editore: Emons Edizioni
L’AUTORE
CONDIVIDI
Articolo precedenteVITTIMA 2117 – JUSSI ADLER OLSEN
Prossimo articoloIL PRINCIPIO DEL MALE – STEFANO TURA
Laura Piva
Mi chiamo Laura Piva ed ho una doppia vita: di giorno faccio la farmacista in paesino del modenese e di sera mi trasformo in una serial reader. Da qualche tempo, la mia passione per la letteratura gialla e noir si è tramutata in un secondo lavoro e ho iniziato a collaborare con molti scrittori italiani nell’organizzazione di serate ed eventi. Da alcuni anni sono la direttrice artistica di Grasparossa Noir, una rassegna patrocinata dal Comune di Castelvetro di Modena che abbina eccellenze enogastronomiche e letterarie del nostro territorio. Sono inoltre autrice di racconti noir. Nel 2018, ho vinto il festival Garfagnana in Giallo-Barga Noir (Sezione racconti inediti) con "Killing Hosni" , pubblicato nell'Antologia Criminale 2018 delle Edizioni Tralerighe. Nel 2019, col racconto "Alone together" sono stata finalista allo stesso concorso e pubblicata nell'Antologia Criminale 2019. Nel 2020 mi sono classificata terza alla prima edizione di Lecce in Giallo.