Libri Noir Italiano

IL SILENZIO DELLA NOTTE – DIEGO COLLAVERI


Genere: Poliziesco
Editore: Mursia
Collana: Giungla Gialla
Genere: Poliziesco

Anno 2021
Pagine 274

La promozione a ispettore che ha portato Claudia Draghi nella città di Livorno non è servita a cancellare il suo passato. Malvista per i suoi precedenti e osteggiata dalla mentalità sessista del nuovo superiore, trova conforto nell’amicizia di Dina, attempata vicina burbera e impicciona, appassionata di polizieschi. L’improvvisa sparizione di Mihaela, badante dell’anziana, da poco in Italia e in cerca di una vita migliore, porterà le due donne a inciampare in un’organizzazione criminale che riduce in schiavitù donne invisibili arrivate come clandestine. Il ritrovamento di alcuni resti disciolti nell’acido darà un risvolto ancora più macabro al mistero della scomparsa di Mihaela. Aiutate da Luciano Martelli, un vecchio poliziotto impopolare, Claudia e Dina proveranno a risolvere il caso, ma un’amara sorpresa le attende nel silenzio della notte.

***

Molto attuale nei contenuti questo recentissimo romanzo dello scrittore toscano, uscito sotto le insegne della casa editrice Mursia sul finire del 2021.

L’ambientazione, ça va sans dire, è sempre livornese. Questa è un po’ la cifra dello scrittore, che la sua città riesce a farla vivere e palpitare in ogni pagina, come se fosse un personaggio a sé stante.
Il capoluogo della costa tirrenica ha il fascino decadente e bipolare delle città portuali, tra scenari mozzafiato e nostalgiche immagini di declino industriale. Livorno non è solo il teatro della vicenda, Livorno è anche nei personaggi, nel loro vissuto e nell’aria che respirano. La “livornesità” è uno status palpabile che anima tutti i personaggi comprimari che popolano il microcosmo del romanzo e con cui la protagonista, Claudia Draghi, forestiera, deve fare i conti. Ma alla fine, questa strana città dai tratti un po’ spigolosi, accoglie tutti. E anche Claudia, in fuga da un passato doloroso, qui trova un suo equilibrio e una sua comfort zone.

La trama, tipicamente poliziesca, alza il velo sul tema degli “invisibili”. Persone che spesso spariscono senza lasciare traccia del proprio passaggio. Persone che nella maggioranza dei casi non avranno mai giustizia.

Nel romanzo si parla di donne che in Italia vivono sottotraccia: un fiume di badanti che dai Paesi dell’Est arriva nelle nostre città per occuparsi dell’assistenza degli anziani. Una migrazione spesso tutt’altro che regolare, gestita dalla criminalità organizzata e che genera sfruttamento e violenze di ogni tipo.

A indagare sulla vicenda che coinvolge una di loro, Mihaela, sono i due reietti del Commissariato, messi all’angolo dalla vita e da superiori disonesti. L’indagine diventa non solo l’affermazione della legalità, ma anche la loro occasione di riscatto.

L’AUTORE

Diego Collaveri è stato musicista, arrangiatore e sceneggiatore per diverse società, tra cui Fandango. Docente saltuario di Sceneggiatura e di Storia del Cinema, critico cinematografico a tempo perso, ha ricevuto diversi premi per la narrativa crime. È autore della saga del commissario Botteghi (Fratelli Frilli Editore) e di Fango (La Corte Editore, 2021).