La verità dell'Alligatore - Massimo Carlotto - copertinaVersione cartacea:
Editore: E/O
Collana: Tascabili e/o
Anno edizione:1998 (prima pubblicazione 1995)
Formato:Tascabile
In commercio dal:1 marzo 1998
Pagine:252 p.
Genere:NOIR/GIALLO

L’Alligatore è un ex cantante di Blues. Ingiustamente condannato a sette anni di carcere, gli è rimasta addosso la fragilità degli ex dete­nuti e l’ossessione della giustizia.
Ha messo a frutto le sue «compe­tenze» e le sue conoscenze nella malavita divenendo un investigato­re molto particolare: più a suo agio nel mondo marginale ed extra legale che tra poliziotti e magistrati, ricorre volentieri all’aiuto di strani «personaggi», primo fra tutti Beniamino Rossini, un malavitoso milanese con il quale ha stretto una bella amicizia malgrado le differenze culturali e di temperamento.

I due intuiscono presto che gli omicidi di due donne, imputati a un povero tossico, sono in realtà maturati nei corrotti ambienti di una certa bor­ghesia di provincia…

 

Massimo Carlotto pubblica questo primo romanzo della serie dedicata al detective privato -senza licenza- Marco Buratti nel lontano 1998. Da questo primo e interessante romanzo inizia anche un nuovo filone della narrativa italiana: un filone di noir del tutto inedito per il nostro Paese e che presenta parecchie analogie stilistiche con la declinazione mediterranea di questo genere.

La storia personale dell’autore entra prepotentemente nella storia e nel personaggio dell’Alligatore. La “voce” narrativa di Massimo Carlotto, velata di una costante disillusa malinconia, graffia e porta alla luce il volto oscuro dell’operoso Nordest Italiano. Padova, coprotagonista indiscussa, è il crocevia di interessi economici e criminali enormi, ed è l’habitat ideale per le indagini , decisamente poco ortodosse,  di Buratti, che funge da trait d’union tra legalità e illegalità.

Al di là dell’impianto “giallo” del romanzo, che origina una trama lineare sostenuta da un buon ritmo narrativo, il tema portante del romanzo è la ricerca della verità: che spesso, come in questo caso, nulla ha a che vedere con la realtà processuale.

Ma in questo primo capitolo della saga, si parla anche di una grande amicizia: quella tra Buratti e il “Vecchio Rossini”, bandito milanese dai modi spicci, ma con un codice etico rigidissimo. Nel romanzo, compare anche “Max La Memoria”, latitante che negli anni’70 si è dedicato alla controinformazione, e che diventerà il terzo componente del sodalizio umano e professionale che si approfondirà nei libri successivi.

 

Del romanzo esiste anche una versione audiolibro di recente pubblicazio(Emons Edizioni). A dar voce – e vita- al testo è Gigio Alberti. Bellissima l’introduzione al testo dell’autore, presente nella sola versione CD.

Regia Flavia Gentili

Durata 6h 43m

Versione audiolibro integrale

Pubblicazione 07 novembre 2018

 

 

L’AUTORE

Massimo Carlotto è l’autore della serie di romanzi noir con protagonista l’Alligatore e di numerosi altri libri. È nato a Padova nel 1956. Sco­perto dalla scrittrice e critica Grazia Cher­chi, ha esordito nel 1995 con il romanzo Il fug­giasco, pubblicato dalle Edi­zioni E/O e vincitore del Pre­mio del Gio­ve­dì 1996.

Per la stessa ca­sa editrice ha scritto: Ar­ri­ve­­derci amo­re, ciao (se­con­do posto al Gran Pre­mio della Let­­te­ra­tura Po­­li­zie­sca in Francia 2003, finalista al­l’Ed­gar Al­lan Poe Award nella ver­sione inglese pubblicata da Europa Edi­tions nel 2006), La ve­rità del­l’Al­li­ga­tore, Il mi­stero di Man­­­giabar­che, Le ir­re­go­­lari, Nes­suna cortesia al­l’u­sci­ta (Pre­mio Des­sì 1999 e menzione speciale del­la giu­­ria Pre­mio Scer­­ba­nen­co 1999), Il corriere co­lom­­­bia­­no, Il mae­stro di nodi (Pre­mio Scer­­ba­­nen­co 2003), Niente, più niente al mondo (Pre­mio Gi­ru­là 2008), L’o­scu­ra im­men­sità della mor­te, Nord­est con Mar­co Vi­det­­ta (Pre­­mio Se­le­­­zio­ne Ban­ca­rella 2006), La ter­ra del­la mia ani­ma (Pre­­mio Grinzane Noir 2007), Cri­stia­ni di Al­lah (2008), Per­das de Fogu con i Ma­ma Sa­bot (Pre­mio Noir Eco­lo­gista Jean-Clau­de Izzo 2009), L’amore del bandito (2010) e Alla fine di un giorno noioso (2011). Per Einaudi Stile Libero ha pubblicato Mi fido di te, scritto assieme a Francesco Abate, Respiro corto, Cocaina (con Gianrico Carofiglio e Giancarlo De Cataldo) e, con Marco Videtta, i quattro romanzi del ciclo Le Vendicatrici (Ksenia, Eva, Sara e Luz). Il mondo non mi deve nulla e La via del pepe sono i suoi ultimi successi pubblicati con le Edizioni E/O.

I suoi libri sono tradotti in molte lingue e ha vinto numerosi premi sia in Italia che all’estero. Massimo Carlotto è anche autore teatrale, sce­­neggiatore e collabora con quotidiani, riviste e mu­sicisti.