Luce della notte - Ilaria Tuti - copertina

Autore: Ilaria Tuti

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Genere: Noir

Anno edizione: 2021

In commercio dal: 14 gennaio 2021

Pagine: 256


Chiara ha fatto un sogno. E ha avuto tantissima paura. Canta e conta, si diceva nel sogno, ma il buio non voleva andarsene. Così, Chiara si è affidata alla luce invisibile della notte per muovere i propri passi nel bosco. Ma quello che ha trovato scavando alle radici dell’albero l’ha sconvolta. Perché forse non era davvero un sogno. Forse era una spaventosa realtà. Manca poco a Natale, il giorno in cui Chiara compirà nove anni. Anzi, la notte: perché la bambina non vede la luce del sole da non sa più quanto tempo. Ci vuole un cuore grande per aiutare il suo piccolo cuore a smettere di tremare. È per questo che, a pochi giorni dalla chiusura di un faticosissimo e pericoloso caso e dalla scoperta di qualcosa che dovrà tenere per sé, Teresa Battaglia non esita a mettersi in gioco. Forse perché, no­nostante tutto, in lei batte ancora un cuore bambino. Lo stesso che palpita, suo malgrado, nel giovane ispettore Marini, dato che pur tra mille dubbi e perplessità decide di unirsi al commissario Battaglia in quella che sembra un’indagine folle e insensata. Già, perché come si può anche solo pensare di indagare su un sogno? Però Teresa sa, anzi, sente dentro di sé che quella fragile, spaurita e coraggiosissima bambina ha affondato le mani in qualcosa di vero, di autentico… e di terribile.

***

Un breve romanzo che si inserisce nella saga dedicata alla meravigliosa Teresa Battaglia e che aggiunge ulteriore umanità a questo personaggio che già nei precedenti episodi aveva rubato il cuore dei lettori.

Impossibile sottrarsi al fascino di questa creatura così complessa, così imperfetta e sempre sull’orlo dell’abisso. Donna, anziana, malata: lontana anni luce dallo stereotipo del poliziotto in salsa anglosassone. Teresa Battaglia è grande, perché fa delle sue fragilità il suo vessillo. E dietro alla sua corazza durissima, nasconde un cuore incredibile, capace di indagare dentro all’animo delle persone.

La penna di Ilaria Tuti delinea sapientemente i tratti dei personaggi e della storia con il suo stile prezioso e il suo lessico ricercato. Il ritmo narrativo è incalzante, anche se il taglio di questo ultimo romanzo è decisamente più intimista dei precedenti. Non a caso, i temi trattati sono estremamente delicati: la malattia, il traffico di essere umani, la maternità.

A far da scenario ai drammi umani della protagonista, che si rispecchiano in quelli dei protagonisti dell’indagine, l’estremo Nord Est Italiano, con la sua natura dura e selvaggia e il suo essere territorio di frontiera.

Molto bella anche la versione audiolibro delle Edizioni Audiolibri Salani, disponibile sulla piattaforma Storytel. La lettrice è Federica Zanandrea.

L’AUTRICE

Cinque domande a Ilaria Tuti – i-LIBRI

Ilaria Tuti è nata a Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Ha studiato Economia. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha vinto il Premio Gran Giallo Città di Cattolica. Il thriller Fiori sopra l’inferno, edito da Longanesi nel 2018, è il suo libro d’esordio. Tra i suoi libri ricordiamo anche: Ninfa dormiente (Longanesi, 2019) e Fiore di roccia (Longanesi, 2020). Del 2021 il romanzo La luce della notte, il ritorno dell’amatissima Teresa Battaglia in un romanzo di rinascita e speranza. Nello stesso anno esce Figlia della cenere (Longanesi).

CONDIVIDI
Articolo precedenteGLI ONOREVOLI DUELLANTI – IL MISTERO DELLA VEDOVA SIEMENS- GIORGIO DELL’ARTI
Prossimo articoloMEMORIE DI UN BOIA CHE AMAVA I FIORI – NICOLA LUCCHI
Laura Piva
Mi chiamo Laura Piva ed ho una doppia vita: di giorno faccio la farmacista in paesino del modenese e di sera mi trasformo in una serial reader. Da qualche tempo, la mia passione per la letteratura gialla e noir si è tramutata in un secondo lavoro e ho iniziato a collaborare con molti scrittori italiani nell’organizzazione di serate ed eventi. Da alcuni anni sono la direttrice artistica di Grasparossa Noir, una rassegna patrocinata dal Comune di Castelvetro di Modena che abbina eccellenze enogastronomiche e letterarie del nostro territorio. Sono inoltre autrice di racconti noir. Nel 2018, ho vinto il festival Garfagnana in Giallo-Barga Noir (Sezione racconti inediti) con "Killing Hosni" , pubblicato nell'Antologia Criminale 2018 delle Edizioni Tralerighe. Nel 2019, col racconto "Alone together" sono stata finalista allo stesso concorso e pubblicata nell'Antologia Criminale 2019. Nel 2020 mi sono classificata terza alla prima edizione di Lecce in Giallo.