TITOLO: DALLA MORTE IN POI -DELIRIO E FOLLIA A BOLOGNA
AUTORE: ROBERTO CARBONI
EDITORE: FRATELLI FRILLI
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2017
GENERE: NOIR
PAGINE: 216

Oscar Torri, imprenditore bolognese, soffre di attacchi di panico. E’ un insicuro cronico, una vittima. O almeno così crede, fino a quando dentro di lui non emerge il suo inconscio primordiale. Prende atto di essere un predatore, e che, tutte le sue ansie, servivano solo a soggiogarlo. E incomincia la sua vera vita, affinando la propria folle filosofia.

“Non cerco comprensione né compassione. Non mi pento. Rifarei ogni cosa, anche più crudelmente se potessi. Le trincee che il tempo mi ha scavato attorno agli occhi, racconterebbero una per una i dettagli delle mie degenerazioni, se solo qualcuno le volesse comprendere e non si accontentasse di inorridire per i crimini che ho commesso. E di cui – lo ripeto – non mi pento. Sono giunto fin qua nel tentativo di capirmi, e ho scelto di vivere. Dalla morte in poi, almeno. Ma non chiamatemi assassino, sarebbe riduttivo. Sono un uomo che ha fatto l’errore di domandarsi fin dove potesse arrivare. E ha trovato il coraggio di rispondersi. “

Questo libro è un inquietante viaggio nelle profondità più oscure dell’animo umano, dove follia e normalità sono separate da un confine labile. L’autore, attraverso un uso sapiente della narrazione in prima persona, ci conduce nella testa del suo protagonista Oscar Torri, stimato imprenditore bolognese e padre di famiglia, che dietro ad una parvenza di assoluta normalità, cela e coltiva il suo delirio narcisistico, che lo condurrà in un vortice distruttivo, un’escalation di violenza in cui perderà ogni genere di moralità e freno inibitorio e che lo trasformerà in un feroce predatore intraspecie. Quello di Oscar Torri è un lungo “one man show”, in cui l’ “IO” ingombrante del personaggio stesso si erge ad unico protagonista, portando il suo delirio di onnipotenza alle estreme conseguenze.
Lo stile del romanzo è asciutto ed accattivante. La narrazione procede in modo molto fluido e catalizza l’attenzione del lettore sino alla fine. La trama è avvincente e carica di tensione. Nonostante l’assoluta abiezione morale che caratterizza il personaggio principale, chi legge non può sottrarsi dal provare un forte senso di empatia nei suoi confronti.

Come in tutti i romanzi di Roberto Carboni, l’approfondimento psicologico, supportato da un grande lavoro di documentazione sulle devianze di interesse psichiatrico-forense, è in primo piano.
Traspare anche l’amore dell’autore per la musica Jazz che sembra idealmente accompagnare, come un sottofondo musicale discreto ed ipnotico, lo sviluppo della trama e l’evoluzione psico-patologica del protagonista.
Questo libro, unico nel suo genere e caratterizzato da una grande eleganza espressiva è, a mio avviso, il romanzo migliore dell’autore bolognese e costituisce un grosso salto di qualità rispetto ai, pur interessantissimi, libri precedenti. Roberto Carboni ha da sempre una sua cifra stilistica unica che lo distingue nettamente da altri autori Noir e lascia sempre un indelebile senso di inquietudine nel lettore. Oscar Torri, protagonista di “ Dalla Morte in Poi” entra nella galleria dei tanti personaggi dalla psiche deviata creati dalla penna geniale dello scrittore Felsineo e la arricchisce di nuove profondità.

L’AUTORE


Roberto Carboni, classe 1968, è nato a Bologna e vive sulle colline di Sasso Marconi. Tassista per diciassette anni, attualmente autore e docente di scrittura creativa a tempo pieno. Nel 2015 è stato premiato con il Nettuno d’Oro, il più autorevole riconoscimento a un artista bolognese. Nel 2016 ha ottenuto il premio speciale Fondazione Marconi Radio Days. E’ al suo nono romanzo. Con le sue storie Noir, tutte ambientate a Bologna, indaga l’animo umano nei suoi abissi più disperati, scuri e corrotti. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato “ Bologna destinazione notte” (2013), “ Il dentista” (2014), “L’Ammiratore (2015) e “Agenzia Bonetti & Bruno (2016).

CONDIVIDI
Articolo precedenteRecensione del libro: MASTSLAVE
Prossimo articoloRecensione del libro: SETE
Mi chiamo Laura Piva ed ho una doppia vita: di giorno faccio la farmacista in paesino del modenese e di sera mi trasformo in una serial reader. Da qualche tempo, la mia passione per la letteratura gialla e noir si è tramutata in un secondo lavoro ed ho iniziato a collaborare con molti scrittori italiani nell’organizzazione di serate ed eventi.