La varice, nota anche come vena varicosa, è un disturbo caratterizzato dalla dilatazione permanente di una vena  associata ad alterazioni delle sue pareti. Le vene maggiormente colpite da questo disturbo sono quelle degli arti inferiori.

 

Le vene varicose, che appaiono molto sporgenti e ad andamento tortuoso, non sono – a differenza di quanto comunemente si crede – un disturbo meramente estetico, ma costituiscono una vera e propria patologia a carico del sistema circolatorio. Possono causare dolore e, in alcuni casi, portare a problematiche di salute più gravi.

 

Ma facciamo un passo indietro: quali sono le cause delle varici?

Il compito delle vene è quello di portare il sangue cosiddetto “di ritorno” dai tessuti al cuore: perchè ciò accada, il sistema venoso degli arti inferiori deve lavorare contro la forza di gravità. Per spingere il sangue verso l’alto ed evitare, allo stesso tempo, il suo rifluire verso il basso, è necessario che le pareti delle vene siano elastiche e che le valvole venose funzionino a dovere: quando questo meccanismo non è perfetto, le vene non sono in grado di far risalire il sangue verso il cuore e si creano dei ristagni che inducono la dilatazione delle pareti venose.

 

Le patologie vascolari sono influenzate da diversi fattori di  rischio:

  • Familiarità
  • Sesso femminile
  • Sedentarietà
  • Sovrappeso
  • Attività lavorative che inducono a stare in piedi per molte ore al giorno.
  • Età (l’efficienza della pompa venosa tende a calare drasticamente dopo i 40-50 anni)
  • Gravidanza

LE DIECI REGOLE AUREE PER PREVENIRE  E CURARE LE VARICI:

  1. EVITARE LA STAZIONE ERETTA PROLUNGATA
  2. FARE MOVIMENTO
  3. EVITARE L’ESPOSIZIONE PROLUNGATA A FONTI DI CALORE
  4. UTILIZZARE CALZATURE ADEGUATE ED EVITARE GLI INDUMENTI TROPPO ADERENTI
  5. RIDURRE IL SOVRAPPESO
  6. INDOSSARE CALZE A COMPRESSIONE GRADUATA (ALMENO 70 DEN)
  7. CORREGGERE LA STIPSI INCREMENTANDO L’ASSUNZIONE DI FIBRE E ACQUA
  8. PRATICARE LA “GINNASTICA VASCOLARE” APPLICANDO ALTERNATIVAMENTE ACQUA FREDDA E CALDA SUGLI ARTI INFERIORI.
  9. UTILIZZARE INTEGRATORI ALIMENTARI E RIMEDI TOPICI IN GEL/CREMA
  10.  RIPOSARE TENENDO I PIEDI LEGGERMENTE SOLLEVATI

 

Il trattamento con integratori alimentari è utilissimo sia in fase preventiva che in fase acuta. Di norma, questi prodotti contengono flavonoidi di origine naturale, che aumentano l’efficienza delle pareti venose e ne prevengono la lassità. Spesso, nelle formulazioni presenti in commercio, i flavonoidi vengono associati a diuretici o antinfiammatori di origine vegetale, che ne migliorano le performance.

Anche l’integrazione di vitamina C può dare grandi benefici in termini di vasoprotezione.

I rimedi topici (gel/creme/spray) sono ottimi coadiuvanti delle terapie e aiutano, grazie al massaggio necessario per applicarli,  la riattivazione della pompa vascolare. Grazie al loro potere rinfrescante immediato possono essere utilissimi per alleviare i fastidi amplificati dal caldo estivo. Di per sè, senza una terapia sistemica, non sono comunque sufficienti a prevenire l’insorgenza delle varici, nè tantomeno ad alleviare i fastidi di quelle già esistenti.

 Tra i rimedi officinali più utili:

  • Meliloto
  • Centella Asiatica
  • Amamelide
  • Mirtillo
  • Vite Rossa
  • Semi d’Uva
  • Rusco
  • Ippocastano
  • Karkadè
  • Maqui
  • Gambo di ananas

 

Trovi molti integratori per lasalute delle tue gambe sul sito http://www.pharmaglamour.org

http://www.pharmaglamour.org/prodotto/ruscoven-plus-50opr/

MIRTILLO PLUS 70OPR

http://www.pharmaglamour.org/prodotto/mirtillo-plus-70opr/